Nel mese di maggio scorso pubblicammo un appello per la raccolta di fondi da destinare alla gente d'Abruzzo colpita così duramente dal terremoto del 6 aprile.

Proponemmo un importo base di 1.000,00 (mille) euro da parte dell'associazione per cominciare.

L'impegno era di raccogliere quanto più possibile specificamente per questo "progetto" e portarlo personalmente in loco.

Nel frattempo un componente del nostro Consiglio Direttivo, membro attivo della Protezione Civile, recatosi sul posto per un turno di aiuto volontario presso un campo base, si era occupato di prendere contatti in Abruzzo per destinare i fondi.

Purtroppo però non è stato raccolto nulla. Nessuna donazione ci è giunta con la causale specifica "Terremoto Abruzzo".

Per conseguenza riteniamo che la volontà dei nostri donatori sia di tralasciare questo "impegno" e quindi anche l'importo stanziato originariamente sarà ridestinato ai consueti progetti in Africa.

Oltre le Parole

Imperversano partite del cuore, concerti di solidarietà, dischi della bontà, trasmissioni televisive che raccolgono fondi per i più svariati motivi.

Ma dove finiscono questi soldi? Chi ci guadagna davvero?

È tutto oro quel che luccica nel forziere dei molti che si presentano come buoni?

Noi siamo una piccola realtà composta SOLO da volontari non retribuiti, questo significa che non abbiamo personale dedicato solo a gestire gli aspetti amministrativi ed organizzativi, non abbiamo sedi di rappresentanza, funzionari che viaggiano continuamente in Business Class e scendono in alberghi a quattro stelle a cenare ad aragosta e caviale...

Significa quindi che la nostra struttura di costi ci ha consentito di limitarne l’incidenza a meno di un 5% delle entrate.

Questo in totale controtendenza rispetto a tutte le Grandi Organizzazioni Internazionali che hanno costi che incidono in media tra il 60 e l’80%, arrivando così a distribuire solo il 20-40% di quanto raccolto (RACCOLTI 100 EURO, DISTRIBUITI 30 !!).

giordano2

Le più efficienti dichiarano di arrivare a distribuire il 65-70% delle entrate.
NOI ABBIAMO DISTRIBUITO DAL 2003 AD OGGI OLTRE IL 95 % DI QUANTO RICEVUTO

Oltre a questo abbiamo deciso di spingere al massimo la nostra trasparenza ed abbiamo predisposto gli strumenti per poter realmente MOSTRARE IN TEMPO REALE le nostre movimentazioni finanziarie

Per una più completa documentazione sull`argomento si legga il libro “Attenti ai buoni” di Mario Giordano

Uno, Due, Tre, Quattro, Cinque e un bambino è morto!

Jacques Diouf - Direttore Generale FAODiciassettemila bambini al giorno muoiono di fame!!!!!!


Sei milioni di bambini all’anno muoiono di fame !


Olocausto di bambini, sei milioni di bambini l’anno, come le persone morte nei campi di sterminio nell’ultima guerra, e nessuno fa nulla.


Si legge con grande godimento questo libro saggio di Mario Giordano che consigliamo a tutti e che illustra in pieno la nostra impostazione statutaria ...